logo die linke 530x168
Left Party of Germany

  • Beiträge

New Europol regulation due to enter into force from May 2017 – oversight is likely to remain superficial

By Matthias Monroy

On 1 May 2017, the new regulation on Europol will enter into force. The compromise agreed on in the framework of the trilogue procedure lays down new more detailed provisions on oversight of the activities of Europol by the European Parliament. Article 88 (2), sentence 3 of the Treaty on the Functioning of the European Union provides for the national Parliaments to be more closely involved with this scrutiny. Article 51 of the regulation mentions the establishment of a Joint Parliamentary Scrutiny Group (JPSG). The European Parliament had lobbied hard during the trilogue procedure to achieve this. The Group is to consist of Members of the European Parliament and the national Parliaments. Yet it is unclear how this will work in practice.

Continue Reading

Print

The case of Mark Kennedy: Cross-border operations of undercover police officers should be investigated in Germany as well

Read more ...Since he was disclosed six years ago, we have been trying to discover upon whose orders the British undercover police officer Mark Kennedy was active for several years in Berlin and other German cities. Kennedy established “friendships”, took part in meetings, entered private dwellings, committed crimes, and lied to the police and the public prosecutor under his false persona. From 2004 to 2010 Kennedy was active in at least ten other countries alongside Germany, including the United States. The German Federal Government claims that his activities helped form his “legend” – his believable backstory. Kennedy himself has stated that he was able to convey evidence from Berlin to his superiors in the police force in London. 

Continue Reading

Print

Dichiarazione congiunta della DELEGAZIONE DI PACE INTERNAZIONALE

Istanbul, 15-16 FEBBRAIO 2016

INTRODUZIONE

La situazione oggi in Turchia è critica. La recente escalation del conflitto che circonda la questione curda è molto pericolosa. La guerra in Siria è sconfinata già con diffuse ostilità in tutto il sud-est della Turchia. Il governo dell'AKP del presidente Recep Tayyip Erdoğan sta commettendo atrocità violando i diritti umani in Cizre e altre città e c’è una minaccia molto reale di una ulteriore spirale di violenza in tutto il paese. La repressione di Stato e le intimidazione a accademici e giornalisti turchi che si sono espressi contro il questo bellicismo rivelano l'intima connessione tra la lotta per una soluzione pacifica della questione curda e la lotta, più in generale, per la democrazia in Turchia.

L’ISOLAMENTO DI ABDULLAH ÖCALAN

L'escalation del conflitto ha coinciso con il totale isolamento del leader del movimento per la libertà curdo, Abdullah Öcalan, che dalla sua cella solitaria sull'isola di Imrali è stato un protagonista fondamentale e una voce costante in favore della pace.

Eppure, il fatto stesso che Ocalan sia in carcere è stato un problema anche durante i colloqui che si sono verificati per due anni a partire dal marzo 2013. La sua condizione di recluso lo spinge a negoziare con i suoi rapitori - uno svantaggio intrinseco. Inoltre, in carcere non può consultarsi con i suoi sostenitori. Prima che negoziati sostanziali si possano avviare, lo Stato deve liberarlo, come Nelson Mandela è stato rilasciato prima - non dopo o durante - i negoziati sudafricani. Fino a quando Öcalan non verrà liberato, ci sarà spazio solo per colloqui per intavolare negoziati e non per veri negoziati. Mandela stesso ha sottolineato come solo le persone libere e non prigioniere possono negoziare, a nome del proprio popolo, di una soluzione politica.

LA DELEGAZIONE INTERNAZIONALE DI PACE

Il 14 febbraio una delegazione internazionale di dieci membri si è riunita a Istanbul per cercare di contribuire a riavviare il processo di pace curdo-turco, che è stata sospesa a partire dalla primavera del 2015. 

Il 3 febbraio capo della delegazione, il giudice Essa Moosa dell'Alta Corte del Sud Africa ha scritto una lettera al Ministero della Giustizia turco a nome della delegazione per richiedere due incontri: uno con il Ministero, per discutere i modi e mezzi per riprendere il processo di pace tra il governo turco e Ocalan; e uno con Abdullah Öcalan a Imrali per discutere lo stesso problema. Abbiamo chiesto che le riunioni si svolgessero il 15 febbraio, diciassettesimo anniversario della cattura e la detenzione di Ocalan. Il giudice Moosa ha precedentemente agito in favore di Nelson Mandela, quando era imprigionato a Robben Island e altrove ed è stato coinvolto nel processo di negoziazione in Sud Africa.

LA  SOLA SOLUZIONE POSSIBILE

Convinti che né il Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), né l'esercito turco potrebbero mai prevalere decisamente in una guerra che aggraverebbe le gravi crisi umanitarie nel paese, riteniamo che il processo di pace offre l'unica soluzione e che Öcalan, come portavoce principale per il movimento curdo, è essenziale in questo processo. Nessun progresso verso una soluzione può essere raggiunto, noi crediamo, senza la partecipazione di Öcalan.

LA RICHIESTA DI INCONTRO

Purtroppo alla nostra delegazione non è stato concesso nessuna delle due incontri richiesti. Solo 15 febbraio il Ministero ha notificato di aver ricevuto la lettera, ma non si è preoccupato di accettare o rifiutare la nostra richiesta formale. Al di là di questa semplice notifica, non ha mai dato risposta. Siamo estremamente delusi di non aver avuto l’opportunità di coinvolgere il Ministro della Giustizia e Öcalan sulla questione della ripresa del processo di pace.

INCONTRI

La delegazione nel frattempo ha incontrato i rappresentanti di varie organizzazioni politiche e sociali che ci hanno informato sulla situazione più preoccupante del paese. Abbiamo anche incontrato gli avvocati e le organizzazioni di avvocati, che sono stati profondamente coinvolti nella difesa dei membri del movimento di liberazione curdo contro accuse penali, e che si sono stati oggetto di molte intimidazioni e persecuzioni da parte dello stato.

DALLA PACE ALLA GUERRA

Tutti i rappresentanti che abbiamo incontrato ci hanno raccontato che durante l'attuale periodo di isolamento di Öcalan, da aprile 2015, il governo Erdogan si è spostato da un piano di pace al piede di guerra. Questo passaggio ha coinciso con il totale isolamento di Öcalan. Mentre entra nel diciottesimo anno della sua detenzione, egli conduce una vita solitaria. Altri due prigionieri dei cinque che erano già presenti sul Imrali sono stati trasferiti in altre prigioni di massima sicurezza. L’unico contatto umano di Öcalan è con le sue guardie o, se consentito, con i restanti tre prigionieri. Nemmeno la sua famiglia lo può visitare. I suoi avvocati, che non sono stati in grado di fargli visita a partire dal 2011, richiedono di visitarlo almeno una volta alla settimana, ma nonostante abbiamo fatto richiesta 600 volte fino ad ora, hanno sempre ricevuto un rifiuto, con l’assurda scusa che la barca per raggiungere l’isola è rotta. Nessuno ha avuto il permesso di visitare l’isola sin da quando gli ultimi delegati dell’HDP partirono il 5 aprile 2015. Nessuna comunicazione è stata ricevuta da Öcalan sin da allora. Egli soffre di cattive condizioni di salute e il suo accesso alle cure mediche è limitato.

Nel frattempo, dopo le elezioni, la situazione nel paese è peggiorata rapidamente e il processo di pace si è decisamente interrotto. Sappiamo che le città stanno diventando zone di guerra, sotto il fuoco dell'artiglieria pesante e dei carri armati. I bambini vengono uccisi. Genitori e nonni sono uccisi nelle strade, ma a causa del coprifuoco, i loro corpi non possono essere recuperati per lunghi periodi. Ci è stato riferito che alcune forze di polizia sono autorizzate a sparare a chiunque con piena impunità, senza timore di conseguenze. Queste forze speciali non sono comandate dai governatori locali, ma sono direttamente collegate al governo.

In Cizre, persone, molte delle quali civili rifugiatisi in tre diversi scantinati, sono state uccise, anche bruciate vive, e ora lo Stato sta distruggendo gli edifici per eliminare le prove. La violenza contro le donne è in aumento. Le donne vengono uccise, poi spogliate e umiliate. Questi costituiscono crimini di guerra e crimini contro l'umanità. Questi crimini violano la Terza Convenzione di Ginevra che la Turchia ha sottoscritto e soddisfano i criteri delle Nazioni Unite di genocidio.

RABBIA

Sul lato curdo, la rabbia contro il governo è in aumento, e molti si stanno completamente allontanando dalla società turca. I curdi sostengono che la guerra contro le città è legata al risultato delle elezioni. Nonostante  vengano commessi crimini di guerra e atrocità, l'UE e gli USA distolgono gli occhi. A livello internazionale, l'AKP controlla il flusso di rifugiati verso l'Europa, e utilizza tale leva per intimidire le potenze europee. I partiti al governo in Europa, temendo effetti negativi di un aumento dell'immigrazione sulle loro prospettive elettorali, rimangono in silenzio mentre i massacri sono in corso in Turchia. Allo stesso modo, gli Stati Uniti, hanno affermato più volte la loro alleanza militare con la Turchia nella guerra contro l’IS, nonostante il fatto che il nemico principali della Turchia nel conflitto non sia l’IS (che è persino supportato dalla Turchia), ma i curdi in Turchia, Iraq e Siria, così come Bashar al-Assad.

LA TURCHIA STA ESTENDENDO LA ZONA DI GUERRA IN SIRIA

Il governo Erdogan continua a bombardare le forze curde in Siria, le stesse forze che hanno dimostrato di essere l’unico alleato efficace della coalizione guidata dagli Stati Uniti nella lotta contro IS. Si parla addirittura di un'invasione di terra da parte della Turchia nella regione curda della Siria, che potrebbe anche scatenare la guerra con la Russia, con conseguenze insondabili per la regione e per il mondo. Il destino dei curdi dipende in gran parte, allora, dalla gente nel resto del mondo che deve far pressione sui governi e le istituzioni internazionali affinchè cambino le loro politiche verso la Turchia e difendano i curdi assediati.

L’ATTITUDINE DEI COLLOQUI DI PACE

Il nostro ultimo incontro è stato una tavola rotonda con una cinquantina di intellettuali curdi e turchi, giornalisti, leader dei diritti umani, e accademici. Alcuni hanno sottolineato l'urgente necessità di riprendere i colloqui di pace, mentre altri reclamavano con disperazione che i colloqui non sono più rilevanti quando le persone vengono bruciate vive.

LA RISOLUZIONE

  • Alla luce delle circostanze, noi, il sottoscritto, i membri della delegazione internazionale per la pace, risolviamo unanimemente come segue:
  • Chiediamo al governo turco e Abdullah Öcalan di riprendere il processo di pace come una questione di urgenza. Nel mese di dicembre 2012, l'arcivescovo emerito Desmond Tutu come Presidente degli Anziani, carica fondata da Nelson Mandela, in una nota personale all’allora primo ministro Recep Tayyip Erdogan ha detto che "la pace è meglio della guerra" e ha fatto appello al Primo Ministro di riprendere il processo di pace con Abdullah Öcalan.
  • Che Abdullah Ocalan, un attore fondamentale, sia rilasciato senza condizioni dalla prigione, per consentirgli di prendere il suo posto legittimo al tavolo delle trattative per la risoluzione della questione curda in Turchia e per la democratizzazione della Turchia. Questo al fine di garantire la ripresa di veri e propri negoziati di pace che possano risolvere la questione curda in Turchia.
  • Chiediamo al governo turco di livellare il campo di gioco, procedendo a, tra le altre cose, legittimare il PKK e altre organizzazioni bandite, liberare tutti i prigionieri politici e permettere agli esiliati di ritornare alla Turchia a partecipare al processo di pace.
  • Siamo risoluti nel fare pressione sui nostri rispettivi governi e organizzazioni non governative affinchè facciano a loro volta pressione sul governo turco per riprendere il processo di pace come questione di massima urgenza. Inoltre risolviamo, nei paesi in cui il PKK è elencato come organizzazione terroristica e Abdullah Öcalan come un terrorista, a fare pressione sui governi per rimuoverli da tale lista. Essi sono un movimento di liberazione e un combattente per la libertà secondo i termini della International Human Rights Instruments.
  • Chiediamo alle organizzazioni internazionali per i diritti umani di indagare, come questione di massima urgenza, la violazioni dei diritti umani perpetrate dalle autorità turche contro la popolazione civile nelle aree di conflitto e valutare e determinare se tali abusi costituiscono crimini di guerra, crimini contro l'umanità, genocidio e / o violazione della Convenzione di Ginevra.
  • Invitiamo il Comitato per la Protezione Contro la Tortura, contro i Trattamenti o Punizioni Inumani o Degradanti o punizioni del Consiglio d'Europa (CPT), come questione di estrema urgenza, a visitare Abdullah Öcalan nella prigione di Imrali per indagare la violazione dei suoi diritti come prigioniero politico, in termini della Convenzione Europea per la Protezione dei Diritti Umani e Libertà fondamentali dato che: (i) il diritto di avere accesso ai suoi avvocati è stato violati negli ultimi 5 anni; (ii) il suo diritto di accedere ai membri della sua famiglia è stato violato per gli ultimi 14 mesi; (iii) il suo diritto a non essere completamente isolato dal contatto sociale è stata violata per un periodo sconosciuto così come (iv) il suo diritto ad avere accesso ai medici e / o trattamenti medici. Il CPT è chiamato a riferire con urgenza sulle sue conclusioni dopo la sua visita, al Consiglio d'Europa, al governo turco, a Abdullah Öcalan e ai suoi avvocati.
  • Chiediamo alla fraternità accademica internazionale di sostenere gli accademici dissidenti in Turchia, nell'interesse della libertà accademica e per dare loro morale, materiale, assistenza fisica e accademica.
  • Chiediamo a membri della nostra delegazione di distribuire questa relazione il più ampiamente possibile ai loro capi di Stato, Ministri degli Esteri, ambasciatori, funzionari, i media, sia elettronici e che su carta, organizzazioni per i diritti umani e le organizzazioni non governative nei nostri rispettivi paesi.

Firmato:

Andrej Hunko, deputato del Partito della Sinistra, Aachen, Germania;

Dimitri Roussopoulos, co-fondatore del Transnational Institute of Social Ecology, Montreal, Quebec, Canada;

Eirik Eiglad, scrittore ed editore, New Compass Press, Norvegia;

Dr. Elly Van Reusel, medico, Belgio;

Giudice Essa Moosa (capo delegazione), membro del International Peace and Reconciliation Initiative, Sud Africa;

Federico Venturini, Dipartimento di Geografia, Università di Leeds, membro del Transnational Institute of Social Ecology, Regno Unito;

Francisco Velasco, ex Ministro della Cultura, Ecuador;

Janet Biehl, autore indipendente, membro del Transnational Institute of Social Ecology, Stati Uniti;

Joe Ryan, presidente della Westminster Justice and Peace Commission, Regno Unito;

Dr. Thomas Jeffrey Miley, docente di sociologia politica, Università di Cambridge, Regno Unito

Print

German Bundeswehr to gain armed drones

For the interim period, an Israeli model is to be leased; over the next ten years, European arms companies are to develop a competitive “Euro-drone”

By Matthias Monroy

Read more ...The German Bundeswehr has now selected a model of an armed drone for future use. It plans to lease “three to five” of the latest “TP” version (Block 2) of the Heron family of drones, developed by Israel Aerospace Industries. The prime contractor for the leasing arrangement is the Airbus Group, which entered into a teaming agreement with the Israeli manufacturer on marketing in Europe.

Continue Reading

Print

Over 100 MEPs call upon EU to remove PKK from the terrorist list

More than a hundred members of the European Parliament have launched a signature campaign for the removal of PKK (Kurdistan Worker's Party) from the EU list of terrorist organizations. Two parliamentarians who have started the campaign will attend a press conference at Shuman Square today.

The MEPs stressed that the perspective of achieving a peaceful and democratic solution to the Kurdish issue in Turkey is under serious threat as violence is escalating and poses severe risks to the stability for Turkey as well as for the Middle East. "In Turkey we are more and more facing an outbreak of violence which pushes back the idea of a peace process and weakens the fight against Daesh".

Continue Reading

Print

EU puts circumvention of encryption back on the agenda

Read more ...By Matthias Monroy

The European Union is discussing access by law enforcement authorities to encrypted communications in a number of papers, working groups and new cooperation forums. The “crypto debate” begun around a year ago on ways to circumvent encryption or access protected communication has gained new momentum.

Most recently, the Luxembourg Council Presidency sent out a paper setting out the challenges posed by “Internet communication channels and multiple social media” to the Member States. The paper expresses the view that new “encryption based technologies” are increasingly hampering or rendering impossible effective investigations. According to this paper, these technologies are of particular significance not only in the area of “counter-terrorism policies”, but also of “anti-radicalisation measures”.

Continue Reading

Print

Back-room media strategists in the "Club of Venice"

The Federal Government’s press spokespersons discuss the presentation of controversial foreign-policy issues with the EU and NATO in the "Club of Venice"

By Andrej Hunko

Government spokespersons from the EU Member States regularly engage in discussions with EU institutions on how controversial political issues can be presented in print and online media. In 1986, the 12 members of the European Community at the time founded the "Club of Venice" with this aim in mind. The meetings of this group are prepared and run by the European Commission and the secretariat of the Council. The goal is to provide support for the policies of the European Commission from the Member States.

Continue Reading

Print

Bundesregierung lügt zu Interpol-Fahndung

Neue Details zur Festnahme des Al-Dschasira-Journalisten Ahmed Mansur zeigen, dass Berlin dem ägyptischen Regime einen Gefallen tun wollte

Wegen der vorübergehenden Verhaftung des ägyptisch-britischen Journalisten Ahmed Mansour am Flughafen Berlin Tegel war die Bundesregierung vor zwei Wochen international in die Schlagzeilen geraten. Der Al-Jazeera-Mitarbeiter war auf dem Weg von einem Interview in Berlin nach Doha, als ihn die Bundespolizei in Haft nahm. Nach öffentlichem Druck kam der Journalist zwei Tage später wieder frei.

Continue Reading

Print

Ein griechisches Nein ist im Interesse aller Menschen in Europa

Dieses Interview der griechischen Zeitung "Epohi" mit Andrej Hunko wird am Wochenende in Griechenland veröffentlicht. Oxi.

How do you judge the Greek government’s decision for the referendum?

It is the unalienable right of the Greek people to decide and it is a brave decision of the government to let the people decide. Coming from a country, where people are denied the right of referenda and where there has never been any referendum since 1945, nobody should dare to question this right.

As rapporteur on austerity politics in the Parliamentary Assembly of Council of Europe (PACE) I called for more democratic participation of the peoples in the countries involved, including referenda. The resolution was approved with big majority. It is scandalous that the institutions of the Troika and the European leaders try to prevent such a democratic participation, as they did already in 2011 in Greece.

Continue Reading

Print